Passa ai contenuti principali

CARMINA CAMPUS - NOT CHARITY, JUST WORK (ITA-ENG)





Ecco una piccola monografia su questa azienda veramente speciale che abbiamo avuto la fortuna di conoscere e con cui collaboreremo di sicuro. Siamo rimasti stregati dal concetto di questa azienda e dalla bellezza dei capi che stupiscono ancora di più se si conoscono i materiali e la provenienza dei dettagli.



Naturalmente ringrazio come sempre il sito ShoppingMap che seguo e da cui traggo spesso gli scritti su questo spazio (non sono ancora una scrittrice!) e il sito della maison semplicemente strepitoso.



Carmina Campus is the brand founded in 2006 by Ilaria Venturini Fendi creating handbags, jewels and furniture out of reused materials. It is a project of sustainable creativity  proposing small but effective solutions to cope with the present crises,  in the belief that it cannot be successfully dealt  with without considering its threefold aspect, economical, social and environmental.
Ilaria’s know-how comes from her background as designer of high quality accessories, which has proved to be an added-value to the Carmina Campus production, mostly made of numbered one-of-a-kind pieces. Reused and repurposed materials make the peculiarity of these products made with premium quality craftsmanship. The individual hand-written tag of each piece provide a detailed list of the materials used.


Working only with already-existing materials - either living their second life or unused but out of production/consumption cycles - is the core philosophy of Carmina Campus and the result of Ilaria’s choice to create her own sustainable and socially engaged design project. Carmina Campus collections are not seasonal, but rather grouped according to a common material or concept and new editions of the same styles are sometime re-designed employing different materials. Years ago Carmina Campus started a working project in Africa and in 2009 began its collaboration with the ITC (International Trade Centre, a joint UN and WTO agency that addresses poverty through trade-driven projects). With the support of the training processes provided by Italian artisans who collaborate with Carmina Campus, a 100% made in Africa collection designed with locally sourced materials has been successfully launched and is presently sold world-wide. NOT CHARITY, JUST WORK is the shared mantra of this project.

Carmina Campus nasce da un’idea di Silvia Venturini Fendi, cresciuta ella nota maison romana di moda, a capo della direzione artistica dal 1999 degli accessori Fendi, che in questo marchio, nato nel 2006, riesce a coniugare due delle sue più grandi passioni: moda ed ecologia. 
Il brand propone borse, accessori e mobili, interamente realizzati con materiali di scarto che così hanno una vita nuova, e ideati secondo una filosofia eco sostenibile.Il mondo di Carmina Campus, che collabora con associazioni come ITC International Trade Centre e AIDOS, Associazione Donne per lo Sviluppo, contribuendo a offrire lavoro a persone marginalizzate, elabora in modo creativo il concetto stesso di rifiuto, utilizzando ad esempio il classico sacco nero come se fosse pelle doppiata, oppure i tappi di bottiglia Campari, con cui da diverso tempo ha stretto una sinergia, come ferma zip per le borse. 
Ed eccoci io e Ago con Luisa e Nicola.
Una bellissima giornata!





Post popolari in questo blog

Discover Philippe Model Maison at Chicchi Ginepri

In occasione dell'apertura di Orticola2017, Chicchi Ginepri e Barbara Spagnol presentano in anteprima un nuovo spazio che per sarà dedicato alla nuova collezione di oggetti firmati Philippe Model Maison. Dal 4 al 17 Maggio 2017 in via Manin 13 a Milano
“I colori sono forze”, diceva Matisse. “E sono un ottimo rimedio per la salute”, aggiungerebbe l'eclettico artista parigino Philippe Model, che del colore ha sempre fatto la sua fortuna, nel décor e nella moda dei grandi nomi. Con un tocco che mette in luce l’armonia, la fantasia, la semplicità e la serenità. Lo riscopriamo nella sua nuova boutique parigina al 65 di rue Condorcet. Un palco teatrale, un dietro le quinte volutamente rough dove va in scena con leggerezza la sua visione mutante di arredamento e scenografia, la sua idea colorata e raffinata della vita. Fil rouge, l’intreccio cromatico, come magia estatica e medicina estetica per il buon umore. Una scelta “libera ed egoista” di oggetti unici: mobili, cuscini, coperte, …

Mostra "Moda di carta" di Isabelle De Borchgrave Luogo Villa Necchi Campiglio 30 ottobre - 31 dicembre 2016 via Mozart 14

Ho visitato per la prima volta Villa Necchi Campiglio la scorsa estate, in un caldo e pigro pomeriggio d'agosto, uno di quei pomeriggi in cui si puo' godere in pieno di una Milano silenziosa e deserta.
Ci sono tornata stamani, con una pioggerellina autunnale che, pur offrendo gia' il sentore dell'inverno in arrivo, riesce tuttavia  a rendere omaggio al verde della vegetazione della Villa.
L'occasione e' stata quella della visita alla mostra "Moda di carta" di Isabelle De Borchgrave, evento voluto dal FAI e dalla Fondazione Cologni dei Mestieri d'Arte e curata da Angelica Guicciardini. 
Isabelle De Borchgrave e' una signora belga, nata come pittrice, e che, folgorata da una visita nel 1994 al Metropolitan Museum di New York, decide di riprodurre gli abiti con quello che e' il primo materiale che un bambino usa per dare sfogo all'immaginazione, la carta. Ed e' proprio la carta, unita al trompe l'oeil e alla pittura, che costituisce …

Our Brands: Rose's Roses (ITA-ENG)

Il marchio di calzature e accessori di Rosa Aiuto “rose’s roses” nasce nel 1998. Rosa Aiuto si affaccia nel mondo del lavoro giovanissima, prima con Pupi Solari  poi con Henry Beguelin, per il quale crea e segue la produzione della linea di calzature per più di 12 anni collaborando con Rei Kawakubo, Comme des Garcons, Jil Sander, Alberto Biani e Alberta Ferretti per citarne alcuni. Lascia la Henry Beguelin per Marni dove disegna e segue la realizzazione della prima collezione di calzature “Marni” in collaborazione con Consuelo Castiglioni. La rose’s roses nel 1998 lancia la sua prima collezione di calzature e accessori ispirate ai colori e alle forme incontrate da Rosa Aiuto nei suoi viaggi, comode “pantofole“ rivisitate per la sera, il mattino, la festa o il passeggio. La prima collezione tutta di Rosa incontra subito il favore del mercato, John Malkovich ordina decine di “pantofole da passeggio” di tutti i colori. Già alla successiva collezione Rosa ritrova la passione per i tacchi …